Contributi pubblici per acquisto macchinari

Legge Sabatini

La legge che agevola l’acquisto di macchinari con finanziamenti pubblici è conosciuta come “legge Sabatini”. Si tratta di un provvedimento del 1965 che, in questi 55 anni, è stato rifinanziato e modificato molte volte, con delle integrazioni legislative. Tutti i dettagli sono reperibili nel sito del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) mentre i soli testi legislativi vigenti sono a disposizione, in forma libera e gratuita, sul sito web di normativa. L’iter burocratico non è dei più semplici e nella generalità dei casi, ci si affida al proprio commercialista. In alternativa, alcune fra le maggiori associazioni di categoria hanno dei consulenti accreditati per la gestione di queste pratiche. Bisogna fare attenzione anche sul particolare che la domanda per ottenere l’agevolazione deve essere depositata prima che la spesa sia stata effettuata.

 

Fondi a disposizione e suoi limiti.
Il meccanismo per l’erogazione dei finanziamenti prevede la costituzione di un fondo pubblico esaurito il quale, la domanda non troverà buon esito e bisognerà aspettare il rifinanziamento. Ad oggi, è stato previsto un fondo di 96 milioni di euro per ogni anno, 2020, 2021, 2022, 2023. Per il motivo che le domande di finanziamento trovano sostegno fino a esaurimento del fondo, in alcuni casi le aziende programmano l’acquisto di macchinari in prossimità di fine anno, al fine di essere pronti a depositare la domanda di finanziamento, con tutti i documenti richiesti, già nel mese di gennaio. Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica la data utile per la presentazione delle prime domande. Per esempio, nel 2019 la data utile per le prime domande è stato il 7 febbraio 2019 e dopo pochi mesi il fondo era già esaurito.

 

Cenni sui dettagli operativi.
Le vigenti disposizioni prevedono che il finanziamento della legge Sabatini sia messo a disposizione delle microimprese, piccole e media imprese. Il contributo e da parte del Ministero dello Sviluppo Economico al quale, bisogna fare riferimento per il deposito della domanda di finanziamento. Il contributo è finalizzato per l’acquisto di macchinari e sono previsti controlli sulla veridicità della documentazione presentata, tenendo presente che le attuali norme prevedono la tracciabilità elettronica delle fatture.
Il contributo è a copertura degli interessi dovuti all’istituto bancario o leasing che sono intervenuti per finanziare l’acquisto, oltre al valore preventivato della macchina.
Un particolare che deve essere considerato è che il contributo richiesto deve essere compreso tra 20.000 e 2.000.000 di euro.

 

Voci di spesa ammissibili.
Nella sostanza, l’investimento programmato dall’impresa per l’acquisto di macchinari è creare nuove linee produttive o rinnovare unità esistenti. In allegato alla domanda che si deve presentare al Ministero dello Sviluppo Economico, bisogna consegnare il preventivo di spesa in originale. In difetto, la domanda non è considerata valida per la carenza di documentazione. Per questo motivo, l‘acquisto effettivo deve essere fatto dopo la data di consegna della domanda del contributo. Su questo aspetto fanno fede i documenti emessi dal fornitore (acconti fatturati, bolle di consegna, bonifici).

In linea di massima, le voci di spesa finanziabili sono le seguenti:
a) non è finanziabile l’acquisto di beni usati;
b) nuove macchine, impianti e attrezzature varie;
c) nuovi arredi e macchine d’ufficio;
d) tecnologie informatiche quali hardware e software;
e) impianti fotovoltaici destinati a ridurre l’inquinamento;
f) consulenze progettuali finalizzati a tutte le voci di cui sopra.

 

Cumulabilità con altri incentivi pubblici.
Le disposizioni vigenti consentono di presentare la domanda per ottenere il contributo della “legge Sabatini” e nello stesso tempo, chiedere con un’altra domanda l’accesso ai contributi per il “fondo di garanzia”, previsto per agevolare l’accesso al credito.

 


 

 Fonte:
– Ministero dello Sviluppo Economico (MISE)
– legge n. 662 del 23 dicembre 1996

Sito di ricerca:
– www.normattiva.it 

www.mise.gov.it

 


 

 Argomenti correlati

Macchine confezionatrici.
In questa sezione abbiamo inserito le aziende che producono macchine automatiche per imballaggi e in particolare: le macchine confezionatrici. Bisogna tener presente che nel settore, chi produce macchine confezionatrici è in grado di offrire soluzioni tecniche per altri utilizzi. Il numero totale delle imprese rilevate è 152.  (… continua)


Finanziamenti e fondo di garanzia.
La “legge Sabatini” è finalizzata nel dare sostegno alle imprese per l’acquisto di nuovi macchinari, come per esempio l’acquisto di macchine confezionatrici. In linee molto generiche. Il citato sostegno consiste nell’erogazione di un contributo che il Ministero dello Sviluppo Economico concede ai richiedenti, per coprire una parte degli interessi che l’impresa deve pagare all’operatore finanziario che ha concesso il finanziamento. Esiste un altro fondo pubblico che può aiutare l’impresa …. Si tratta del fondo di garanzia. (… continua)


*  *  *

Ultimo aggiornamento: 29 settembre2020

 

*